MEDITAZIONE E CURA DELL’ “IO”

CONDIVIDI

COME LA MEDITAZIONE MI HA AIUTATO E MI AIUTA

PREFAZIONE

In questo articolo vorrei parlarti di un argomento, per me molto importante. La meditazione ed il ricongiungimento con noi stessi!

E’ un argomento un po’ delicato, soprattutto in Italia e nelle persone  “comuni”.. Diciamo nel mio settore. Ma ultimamente , sta prendendo piede nella società moderna.

Anche la medicina ha confermato, le grandi qualità curative di questa disciplina. Sono stati riscontrati cambiamenti, importanti nel nostro corpo, anche solo praticandola  10 minuti al giorno.

Addirittura la meditazione riesce a modificare le onde cerebrali, quindi ad agire attivamente sul nostro cervello. Come sappiamo,  il nostro cervello è il centro di comando di tutte le nostre funzioni. Quindi grazie alla meditazione, riusciremo a migliorare molte problematiche del nostro corpo e della mente.

Ma vorrei parlarti di come applico questa tecnica e il perché ho iniziato a praticarla. Come ho già spiegato nella mia presentazione, purtroppo un po’ di tempo fa non sono stato bene, quindi per guarire ho dovuto acquisire delle conoscenze, ed equipaggiarmi di armi, per combattere ogni giorno.

Quando va tutto bene, e non succedono eventi particolari, difficilmente ci si concentra su noi stessi. Molto probabilmente ci si concentra sul lavoro, sugli altri, sulla famiglia e magari sui nostri obbiettivi impossibili !

Quindi senza nessun fattore scatenante o trauma, non dovrebbero esserci fattori di stress o d’instabilità psicologica. Invece è proprio in quei momenti, quando abbassi la guardia, che il nostro cervello, comincia ad elaborare i problemi nascosti! Anch’io ho sempre pensato che una persona depressa o molto stressata, dovrebbe aver passato qualche episodio molto grave, nella propria vita. Invece no! Ho capito che quando ti capita un trauma forte, oppure hai un momento molto intenso lavorativo, il tuo cervello reagisce e combatte! Senza guardarsi indietro affronta i problemi, ma quando finisce questo periodo elabora il passato e molte volte crolla.

SINTOMI DEL MALESSERE O DEPRESSIONE

Per fortuna il tuo cervello, è una macchina meravigliosa . Funziona perfettamente ! Se solo gli dessi la giusta attenzione. Quando qualcosa non funziona, lui come la spia del cruscotto dell’auto, inizia ad inviarti dei segnali inizialmente piccoli, poi sempre più forti. Se li ignori prima o poi il motore si romperà, e per ripararlo sarà molto difficile!

Io questi segnali io li ignorai per un bel po’, ma ben presto il mio corpo iniziò a cedere.

Iniziai avvertire una sensazione di frustrazione, quando mi svegliavo la mattina, mi sentivo svuotato e senza motivazione, pur amando molto il mio lavoro, faticavo a concentrarmi su di esso.

Avevo la sensazione di essere in una “ Lavatrice ” sempre accesa, e di non riuscire a gestire la mia vita. Mi sentivo girare e non riuscivo a fermare,  quella assurda centrifuga! Come essere al volante d’un veicolo ma senza controllo.

Ero costantemente ossessionato, dal domani, su come andrà il lavoro, se riuscirò a guadagnare abbastanza per la mia famiglia, se veramente sarei riuscito a raggiungere i miei obbiettivi. Iniziai a pensare di non essere abbastanza forte per mia moglie, e che lei non mi avrebbe meritato.

Temendo un distacco da parte sua, iniziai a convincermi di non essere in grado di fare quello che gli altri riuscivano a fare, prendendo come modello d’applicare, le persone che mi circondavano. Insomma ero diventato insicuro, fragile e dipendente dal giudizio degli altri.

Vedi come tutti questi problemi, iniziavano ad amplificarsi come un loop negativo. Molte volte i problemi ce li costruiamo noi, e continuano a propagarsi nel nostro cervello e l’unica risposta alle nostre estenuanti domande, sarà sempre ” non ce la posso fare…”.

Ho capito, che il nostro cervello funziona con degli schemi logici. E’ come un software, se non fai un aggiornamento, arriva ad un punto che non funziona più.

Quindi, era ora di fare una formattazione completa!

METABOLIZZARE IL PROBLEMA E RISOLVERLO

Quando mi recai da una psicoterapeuta, mi mise subito davanti il problema. Avevo perso l’equilibrio con me stesso.

Quello che cercavo di essere, non era quello che volevo. E’ come essere due persone nello stesso corpo, ma che non vanno d’accordo! Quindi una delle due avrebbe dovuto fare i bagagli e andarsene.

Se non sei connesso con il “ TE “ che hai dentro, non potrai mai essere quello che veramente vorrai diventare.

Il nostro software, sviluppato in tanti anni di crescita, viene  influenzato da tantissimi fattori: Genitori, mariti/mogli, amici, ecc.. Talvolta non funziona più, perché se cresciamo tutta la vita, con gli stessi canoni e le stesse convinzioni, di quando eravamo bambini.. capisci che qualcosa non funziona?

Grazie alla meditazione iniziai a riconnettermi con il mio “ IO “ interiore. Presi  a convincermi che in fondo non ero cosi male! Capii che non potevo usare il modello di vita di altri, ma che avrei dovuto usare il mio modello, che è differente da tutti gli altri ed è fatto apposta per me. Anche tu hai un modello e non può essere uguale al mio.

Mi feci coraggio ed iniziai a parlare con mia moglie e con le persone con cui avevo un problema, parlando sinceramente, senza paura. Presi a dire di SI a tutto quello che la vita mi proponeva, ad ogni cosa e a decidere tutto subito, senza esitazione!

Dicendo si a tutto si spalancarono delle nuove opportunità! Mi dedicai ad una MORNING ROUTINE, questo mi permette tuttora, di mantenere un equilibrio tale da essere super attivo e pianificare la giornata fin da subito. Un’altra cosa fondamentale è stata di dire NO a tutto quello che non mi andava di fare,  se la vita è la mia, decido io come viverla!!  Non possiamo dedicarci a tutti e a tutto, perché rischiamo di essere in un posto e pensare di essere in un altro, vivendo in una costante frustrazione psicologica. Quindi bisogna cercare di dispensare in modo molto accurato, il tempo che dedicheremo alle altre persone. Scoprirai che non tutti se lo meritano e che possono aspettare e che molte attività, sono una perdita di tempo.

Il Tuo tempo e la tua salute, devono essere in cima a tutte le tue priorità, senza salute non potrai sfruttare il tuo tempo, senza tempo non potrai sfruttare la tua salute!

Queste sono state le mie prime strategie di ripresa, di cambiamento, di rinascita! La meditazione mi ha permesso la reinstallazione di un buon software, lasciando il sistema operativo intatto.

Non ho cambiato la mia vera essenza, anzi l’ho valorizzata, sono solo cambiate  le dinamiche di funzionamento. La gente che mi conosce e mi circonda, forse non comprende a pieno il lavoro che ho svolto e che sto svolgendo.

Talvolta sembra anche un po’ confusa e questo mi dà la certezza di aver intrapreso un percorso di cambiamento, non solo interiore, ma anche esteriore percepibile da chi ti consce veramente! 

Non avere paura di far vedere chi  sei e come sei, perché tu sei meraviglioso/a  e unico/a. Nessun modello potrà incollarsi al tuo “IO” e sarà fantastico farlo conoscere ad altri.

Non avere paura a dire di SI o di NO a qualcosa o ad un’opportunità, perché la vita è unica e meravigliosa per cui devi viverla al 100%! Viverla non vuol dire drogarsi o fare cose estreme tutti i giorni.. ma viverla significa solo fare veramente ciò che vuoi fare, ed essere li in quel preciso momento, assaporando ogni respiro ed ogni profumo, che questo meraviglioso mondo ti regala!

Prendi il controllo della tua mente e sii tu a muovere i fili non subire la vita ma affrontala! Come fa un guerriero.

Ma ricorda che per combattere devi avere un’armatura e delle armi, quindi cerca di crescere e come in un videogame, raccogli più armi possibili e non smettere mai di crescere.

Io ci sto provando e tu come affronti le tue giornate?

Dimmi cosa ne pensi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: