ORA DIVENTA RESILIENTE

CONDIVIDI

COS’E’ LA RESILIENZA ?

GUERRIERO SPARTANO

Mentre sto scrivendo questo articolo, stiamo tutti passando uno strano periodo. Chiusi in casa, senza libertà, facendo l’ora d’aria,  buttando la spazzatura a 100 metri da casa.

Forse ti senti chiuso in gabbia come un carcerato, ma fidati per questo periodo è necessario farlo!

A me personalmente mancano molto le gite fuori porta, i week-end lunghi, il caffè al bar, le trattorie, gli amici e un milione di altre cose…

Per fortuna, per lavoro ogni tanto posso uscire per andare a salvare qualche vecchina senza luce o qualche macchina utensile bloccata.

Non avrei mai pensato di emozionarmi per andare a 10 km da casa! Poi con l’estate alle porte il mondo la fuori è cosi bello..

Sento una gran voce interiore che urla mare, festa, vacanze, amici, quindi questa condizione non aiuta la mia tranquillità interiore.

TROPPA NEGATIVITA’

Girando per lavoro, ho avuto modo di tastare il polso alla gente, sarà che stando in casa per un po’ di tempo e non potendo avere contatti ravvicinati con altre persone, appena  ho la possibilità.

Cosi mi dilungo in discorsi e questioni  di ore…

Comunque purtroppo, ho dovuto constatare l’enorme malcontento generale, tutti sono arrabbiati con tutto, molti si sono rassegnati ad un futuro di stenti e carestie, altri urlano alla cospirazione Tedesca, Americana, dello stato e di chiunque altro..

Sentendo tutte queste polemiche negative, ho iniziato a farmi qualche domanda e riflettere su come io possa affrontare questa situazione.

Ho iniziato a scavare nella mia memoria per trovare un protocollo d’applicare a questa situazione.

Cercando nei remoti cassetti mnemonici, penso d’aver  trovato un protocollo valido per questa situazione, apparentemente disastrosa e senza futuro.

Circa 15 anni fa, purtroppo mi trovai in una situazione decisamente scomoda e difficile da gestire, soprattutto per un ragazzo giovane senza esperienza.

LA MIA ESPERIENZA

Non starò qui a raccontarti i minimi dettagli, ma diciamo che ero in un impresa con la mia famiglia da artigiano e non è andata come doveva andare.

Per vari motivi  purtroppo mi sono ritrovato in poco tempo a dover far fronte a difficoltà enormi, soprattutto per i mie canoni d’allora.

Passai da un lavoro sicuro senza rischi ad una situazione di completa instabilità economica e poi alla perdita del lavoro, con conseguenti strascichi economici.

Avevo perso ogni speranza ed ero molto arrabbiato con me, e con chi mi stava accanto

Ho sofferto molto in quel periodo, tutto mi sembrava crollare addosso!

LA FORZA DI NON AVERE NULLA DA PERDERE

Comunque è stato quando ormai non avevo più nulla perdere, che iniziai a sentire questa grande forza interiore che poco a poco saliva.

 Affrontavo di tutto senza la minima paura, tanto ormai cosa poteva succedermi? Peggio di così come poteva andare?

Mi rimboccai le maniche ed in poco tempo riuscii a trovare un nuovo lavoro e ad iniziare una nuova vita!

CONOSCERE LA RESILIENZA

Col passare del tempo e con la passione per le dinamiche del cervello umano, conobbi la parola RESILIENZA. Nella scienza viene usata per descrivere un materiale in grado di assorbire gli urti senza rompersi.

In psicologia è la capacità di accettare tutte le situazioni avverse e di affrontarle senza alienare la propria personalità.

Questa semplice parola racchiude tutta la forza che dobbiamo tirare fuori in ogni situazione avversa alla nostra condizione.

La resilienza è quando ti danno un cazzotto in faccia e tu alzi e gli dici “ tutto qua?”, quando la vita ti vuole affondare, e tu continui a nuotare verso l’alto!

In questo momento bisogna essere  RESILIENTI più che mai, bisogna tirare fuori quel senso di vuoto, di paura, di smarrimento e trasformarlo in un muro di gomma.

Un muro di gomma che assorbe tutto quello che la vita gli tira addosso!

Ho notato che molte persone, quando si trovano in difficoltà, tendono ad affossarsi nelle loro dinamiche di pensiero ,per uscire dal problema.

Invece quando ti trovi ad affrontare un problema, che molto probabilmente non avrai mai affrontato.

E’ bene invece scollegarsi dalle tue convinzioni e protocolli di sistema già usati in passato e crearne dei nuovi.

Io di solito penso a quanto sia bello il pianeta Terra, ma vivendoci sopra, non riesco ad apprezzarne la totalità, ma basta guardarlo da molto lontano o dalla Luna per capire quanto sia meraviglioso.

Voglio dire che i problemi da vicino sembrano davvero impossibili da risolvere, ma basta allontanarsi un po’ per trovare una nuova soluzione o una nuova strada da imboccare.

A tutto c’è una soluzione, solo alla morte non si può rimediare, quindi quando tutto ti sembra crollare addosso, prova spostarti, fermati, rifletti, guarda il problema da un’altra angolazione e trova una soluzione diversa, nuova e sii RESILIENTE!

Un’altra sensazione bellissima è quella di accettare le conseguenze di una scelta. Non avere paura di fare una scelta, giusta o sbagliata. Comunque avrai scelto!

Essere consapevoli delle conseguenze ti rende forte e regista del tuo destino!

Troppe volte non scegliamo, solo per la paura delle conseguenze o di quello che dirà la gente.

Questo credo che sia profondamente sbagliato e limiti parecchio la nostra vita quotidiana.

IN CONCLUSIONE

Quindi qualsiasi soluzione troverai, pensa alle conseguenze e accettale ma non avere paura di affrontarle!

In conclusione, ESSERE RESILIENTI vuol dire affrontare le conseguenze senza rancori per il passato, senza autocommiserarsi per le scelte prese, combattere ogni giorno a testa alta, senza troppi progetti per il futuro, dato che quello non lo possiamo gestire…

Essere RESILIENTE, per me, vuol dire anche essere una persona coerente con i propri principi e valori, essere scollegato dai giudizi altrui e dagli stereotipi comuni.

Come sempre grazie per essere stato con me  fino a questo punto. Se ti è piaciuto il mio articolo CONDIVIDI o lascia un commento qui sotto.

Tag:

Dimmi cosa ne pensi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: